Rivista Neve e
Valanghe

Ultimo numero

Numeri precedenti

 
La Neve
Le Valanghe
Guida all'utilizzo
dei bollettini
nivometeorologici
Manuale meteorologia
Strumenti di misura e metodi di osservazione nivometeorologici

Linee guida metodologiche per la perimetrazione delle aree esposte al pericolo di valanghe
White risk - CD rom
Classificazione internazionale della neve stagionale al suolo
   
Cliccando sul titolo dell'articolo potrai scaricare il file in versione pdf.

 

Il numero 89 di “Neve e Valanghe” è l’ultimo ad uscire in formato cartaceo tradizionale. Dopo 33 anni, esigenze di budget e la necessità di dotare AINEVA di uno strumento di comunicazione più moderno e flessibile, hanno indotto il Comitato Tecnico Direttivo a questo passo necessario. La rivista certamente non
chiude, ma in futuro sarà disponibile su web in un nuovo “format” ancora in fase di definizione.
Sfogliando i primi numeri della rivista, emerge in maniera eclatante quanta strada è stata fatta da allora anche nel nostro piccolo settore. I contributi di questi primi numeri riguardavano le modalità di funzionamento dei Servizi di previsione, l’organizzazione delle reti di raccolta dati, molto cautamente si cominciavano a
valutare i primi risultati nell’utilizzo della modellistica di evoluzione del manto nevoso. Oggi l’attività degli Uffici valanghe è consolidata, i servizi offerti sono diventati una base imprescindibile per la pianificazione di tutte le attività svolte nel periodo invernale, i dati raccolti con le reti di monitoraggio consentono ormai di
attuare una climatologia della neve e i modelli vengono utilizzati operativamente sia nel settore previsionale sia in quello della dinamica delle valanghe. In questo percorso la rivista “Neve e Valanghe” ha avuto un ruolo importante di collegamento fra i ricercatori, i tecnici che operano negli Uffici valanghe e gli utenti finali.
Nell’ormai lontano autunno del 1984, l’allora Direttore Responsabile di “Neve e Valanghe”, in chiusura del suo editoriale sul numero zero della rivista, poneva ai lettori la seguente domanda: “Sapremo rappresentare un punto di riferimento per quanti di voi?”. Oggi, dopo 33 anni, si può dire che il riscontro da parte dei
lettori c’è stato: sì, la rivista è stata un punto di riferimento per molti, professionisti che operano nel settore, amministratori, ma anche semplici appassionati della montagna invernale che nel tempo hanno sentito l’esigenza di approfondire le proprie conoscenze, stare al passo con i tempi, conoscere ciò che la scienza e
la tecnica mettevano a disposizione per una prevenzione sempre più efficace.
Oggi una nuova sfida attende AINEVA: la sfida è quella di realizzare un prodotto nuovo al passo con i tempi, nel solco della tradizione e del rigore tecnico-scientifico che ha sempre contraddistinto la rivista ma aperto maggiormente a contributi esterni, al dialogo con gli utenti e alle esigenze non solo dei professionisti
e degli specialisti ma anche della grande massa di persone che oggi frequentano la montagna invernale.
Anselmo Cagnati
Direttore Responsabile